Un percorso speciale a Londra (consigli di viaggio)

Londra è una metropoli tanto grande e variegata da offrire infinite possibilità di intrattenimento.

Itinerario sulle tracce di Jack Lo Squartatore di Londra

Chi non vuole seguire un itinerario turistico classico, per esempio, ha la possibilità di mettersi sulle tracce di Jack lo Squartatore, il primo assassino seriale riconosciuto dalla storia del crimine, che più di un secolo fa terrorizzò il quartiere dell’East End uccidendo e riducendo a brandelli cinque prostitute. Al giorno d’oggi, vengono proposti numerosi percorsi organizzati, della durata di un paio di ore, che permettono ai turisti, accompagnati da apposite guide, di avventurarsi nei luoghi che furono teatro degli omicidi. I percorsi prendono il via dalla stazione di Aldgate East, e proseguono con una passeggiata verso le altre tappe del killer: il prezzo del tour, che inizia alle sette di sera, è di sette sterline. Trattandosi di una scelta molto amata dai turisti, è preferibile prenotare il tour in anticipo, semplicemente recandosi alla stazione di partenza.

Un altro luogo caratteristico della città, anche se non molto conosciuto, è la Tate Gallery: una fantastica esposizione dell’arte moderna mondiale a partire dal Ventesimo Secolo. La galleria d’arte è suddivisa in quattro sezioni tematiche, e presenta opere, tra gli altri, di Salvador Dalì, Pablo Picasso, Henry Matisse ed Andy Warhol. La stessa sede può essere considerata un’opera d’arte: si tratta di una centrale elettrica sulle rive del Tamigi che, dopo essere caduta in disuso, venne restaurata e ri-progettata da due architetti svizzeri, che riuscirono a mantenerne la struttura e il fascino originale. A partire dal 2000, i cavi hanno lasciato posto alle opere d’arte, anche se il clima della centrale si respira in ogni angolo, come dimostra l’ingresso situato nell’antica sala macchine. All’ultimo piano, invece, si dipana una galleria di vetrate immensa, con una vista panoramica sulla città.


Infine, in qualsiasi gita a Londra che si rispetti, non può mancare una visita alla House of Parliament e al Big Ben, i simboli più noti della città. Raggiungibili con le linee della metropolitana Jubilee e District, dalla fermata Westminster, questi due luoghi conservano la storia della capitale: la House of Parliament, in particolare, ospita tre chilometri di corridoi e più di milleduecento stanze (visitabili ad agosto e settembre dal lunedì al sabato), ma soprattutto un enorme sotterraneo, che si ritiene abbia ispirato George Orwell nella descrizione del Ministero della Verità, il Minver, raccontato nel romanzo 1984. D’altra parte, il Big Ben è l’orologio più famoso del mondo (anche se il nome, in realtà, non indica l’orologio ma la campana che sovrasta la torre in cui è situato), oltre che il più preciso.

La lancetta dei minuti è lunga circa quattro metri, quella delle ore tre: uno spettacolo, che si gode ancora più intensamente di notte.

Cosa fare di sera a Londra

Londra è una città dalle mille opportunità di divertimento, anche e soprattutto di sera.

Londra cosa fare per divertirsi la sera

Per esempio, il quartiere di Soho è rinomato in tutto il mondo per i numerosi locali in cui è possibile fare l’aperitivo: oltre al Revolution (a dire la verità un po’ inflazionato, in St. Annes Ct, 2), dove potete trovare oltre novanta tipi di vodka (compresa quella al peperoncino), molto apprezzato è anche il classico Lab Bar, situato al 12 di Old Compton Street.

Cambiando quartiere, invece, a Notting Hill potrete sentirvi modaioli e sofisticati in uno dei tanti locali eleganti della zona. Londra, poi, è famosa anche per i teatri. Oltre al West End, dove si mescolano le più importanti produzioni mondiali e le opere sperimentali di artisti agli esordi, il Globe, al 21 New Globe Walk di Southwark, propone atmosfere antiche e suggestive, richiamando, non solo per la forma sferica dell’edificio, il teatro in cui si sviluppò il genio di William Shakespeare.

Chi preferisce il cinema potrà visitare l’Electric Cinema, la sala più antica del Paese, al 191 di Portobello Road, con tavolini per mangiare e bere nel corso della proiezione, divani e poltrone in pelle: tutt’altra atmosfera si respira, invece, al Bfi Imax di South Bank, al numero 1 di Charlie Chaplin Walk, dove si sperimenta la tecnologia a tre dimensioni Imax davanti a uno schermo largo 26 metri e alto 20. Dopo una capatina in uno dei tantissimi pub della città, che chiudono alle 23, ci si può muovere in direzione dei club. In centro si trovano locali frequentati soprattutto dai turisti, mentre a Brixton, ma anche a King’s Cross e Old Street, si ha l’opportunità di vivere una vera notte londinese.

Un consiglio: nel caso in cui si decida di entrare in posti particolarmente glamour, conviene prestare particolare attenzione al dress code, per evitare di essere esclusi dal locale a causa di un abbigliamento ritenuto poco elegante.

Per quel che riguarda i trasporti notturni, a Londra si può fare affidamento sui Black Cabs, i taxi inglesi simbolo di Londra, dotati di fari circolari e un radiatore imponente sul davanti. Il prezzo della corsa include un supplemento per le corse notturne, per i bagagli messi sul sedile e per passeggeri extra. Occorre tenere conto che, di notte, solitamente i tassisti non si fermano spontaneamente davanti ai locali, ed è necessario richiamare la loro attenzione (in alternativa, è sufficiente prenotarne uno al Radio Taxis, chiamando il numero 020 7272 0272).

Considerato il prezzo piuttosto alto di una corsa in taxi, quando c’è la possibilità è preferibile ricorrere agli autobus notturni (passano tutti per Trafalgar Square), le cui corse sono contraddistinte da una N. Il costo del biglietto, in questo caso, è decisamente meno impegnativo.