Un percorso speciale a Londra (consigli di viaggio)

Londra è una metropoli tanto grande e variegata da offrire infinite possibilità di intrattenimento.

Itinerario sulle tracce di Jack Lo Squartatore di Londra

Chi non vuole seguire un itinerario turistico classico, per esempio, ha la possibilità di mettersi sulle tracce di Jack lo Squartatore, il primo assassino seriale riconosciuto dalla storia del crimine, che più di un secolo fa terrorizzò il quartiere dell’East End uccidendo e riducendo a brandelli cinque prostitute. Al giorno d’oggi, vengono proposti numerosi percorsi organizzati, della durata di un paio di ore, che permettono ai turisti, accompagnati da apposite guide, di avventurarsi nei luoghi che furono teatro degli omicidi. I percorsi prendono il via dalla stazione di Aldgate East, e proseguono con una passeggiata verso le altre tappe del killer: il prezzo del tour, che inizia alle sette di sera, è di sette sterline. Trattandosi di una scelta molto amata dai turisti, è preferibile prenotare il tour in anticipo, semplicemente recandosi alla stazione di partenza.

Un altro luogo caratteristico della città, anche se non molto conosciuto, è la Tate Gallery: una fantastica esposizione dell’arte moderna mondiale a partire dal Ventesimo Secolo. La galleria d’arte è suddivisa in quattro sezioni tematiche, e presenta opere, tra gli altri, di Salvador Dalì, Pablo Picasso, Henry Matisse ed Andy Warhol. La stessa sede può essere considerata un’opera d’arte: si tratta di una centrale elettrica sulle rive del Tamigi che, dopo essere caduta in disuso, venne restaurata e ri-progettata da due architetti svizzeri, che riuscirono a mantenerne la struttura e il fascino originale. A partire dal 2000, i cavi hanno lasciato posto alle opere d’arte, anche se il clima della centrale si respira in ogni angolo, come dimostra l’ingresso situato nell’antica sala macchine. All’ultimo piano, invece, si dipana una galleria di vetrate immensa, con una vista panoramica sulla città.


Infine, in qualsiasi gita a Londra che si rispetti, non può mancare una visita alla House of Parliament e al Big Ben, i simboli più noti della città. Raggiungibili con le linee della metropolitana Jubilee e District, dalla fermata Westminster, questi due luoghi conservano la storia della capitale: la House of Parliament, in particolare, ospita tre chilometri di corridoi e più di milleduecento stanze (visitabili ad agosto e settembre dal lunedì al sabato), ma soprattutto un enorme sotterraneo, che si ritiene abbia ispirato George Orwell nella descrizione del Ministero della Verità, il Minver, raccontato nel romanzo 1984. D’altra parte, il Big Ben è l’orologio più famoso del mondo (anche se il nome, in realtà, non indica l’orologio ma la campana che sovrasta la torre in cui è situato), oltre che il più preciso.

La lancetta dei minuti è lunga circa quattro metri, quella delle ore tre: uno spettacolo, che si gode ancora più intensamente di notte.

Tre posti da non perdere a Londra (Trafalgar Square, British Museum, Cattedrale di St. Paul)

I tre posti che devono essere assolutamente visitati da un turista durante un viaggio a Londra sono Trafalgar Square, il British Museum e la Cattedrale di St. Paul: tre simboli della città, conosciuti in tutto il mondo.

Trafalgar Square Londra (Piazza)

Trafalgar Square. Si tratta del punto di partenza della maggior parte degli itinerari turistici: un tempo accoglieva le stalle reali (le cosiddette King’s Mews), mentre oggi la piazza è diventata il centro nevralgico della Wuest End, il fulcro della vita politica e amministrativa della capitale inglese. La statua dell’Ammiraglio Orazio Nelson (colui che, nella Battaglia di Trafalgar, sconfisse le flotte francesi e spagnole), domina imponente sulla piazza, davanti alla National Gallery: proprio a Trafalgar Square, infatti, si trova uno dei musei più famosi del mondo, che ospita opere, tra gli altri, di Van Gogh, Caravaggio, Michelangelo, Velazquez e Raffaello.

Il British Museum. Questo è, invece, il museo pubblico più antico del mondo. Il British Museum mette a disposizione dei visitatori più di 50mila opere, provenienti dall’Europa (antica Roma e Magna Grecia), dal Giappone, dal Vicino Oriente, dalle Americhe e dall’Africa. Un modo per immergersi in mondi storici e culturali fantastici, dalla preistoria ad oggi. Al British Museum si trovano, tra l’altro, i resti del Partenone ateniese (con più di 150 pannelli del fregio da cui il tempio era circondato), la stele di Rosetta (che ha permesso di decifrare i geroglifici dell’antico Egitto), e migliaia di oggetti giunti da ogni parte del mondo, compresa la più grande collezione mondiale di reperti dell’antico Egitto. Una visita media in questo museo impegna almeno tre ore: l’ingresso è gratuito. Raggiungibile a piedi dalle fermate della metro di Russell Square, Tottenham Court Road E Holborn, il British Museum è aperto tutti i giorni, dalle 10 alle 17.30 (ma il giovedì e il venerdì l’orario di apertura viene prolungato fino alle 20.30).

Cattedrale di St.Paul a Londra

La Cattedrale di St. Paul. Raggiungibile dalla stazione St. Paul della Metro Central Line, è l’unica cattedrale realizzata in stile barocco di tutto il Paese. Eretta tra l’inizio della Riforma e il 1800, questa struttura si distingue dalle altre cattedrali londinesi per la presenza di una cupola e per essere stata progettata da un solo architetto, il celebre Christopher Wren. La cattedrale di St. Paul da decenni rappresenta il salotto degli eventi più importanti di Londra, dai funerali di Lord Nelson al matrimonio del Principe Carlo con Lady Diana, dal centesimo compleanno della Regina Madre ai funerali di Winston Churchill. Non può mancare una visita alla Whispering Gallery, la Galleria dei Bisbigli, così chiamata perché, parlando vicino al muro, la voce può essere sentita da qualsiasi angolo della galleria. Il biglietto di ingresso è piuttosto caro, e costa undici sterline (circa sedici euro).