Cosa fare di sera a Londra

Londra è una città dalle mille opportunità di divertimento, anche e soprattutto di sera.

Londra cosa fare per divertirsi la sera

Per esempio, il quartiere di Soho è rinomato in tutto il mondo per i numerosi locali in cui è possibile fare l’aperitivo: oltre al Revolution (a dire la verità un po’ inflazionato, in St. Annes Ct, 2), dove potete trovare oltre novanta tipi di vodka (compresa quella al peperoncino), molto apprezzato è anche il classico Lab Bar, situato al 12 di Old Compton Street.

Cambiando quartiere, invece, a Notting Hill potrete sentirvi modaioli e sofisticati in uno dei tanti locali eleganti della zona. Londra, poi, è famosa anche per i teatri. Oltre al West End, dove si mescolano le più importanti produzioni mondiali e le opere sperimentali di artisti agli esordi, il Globe, al 21 New Globe Walk di Southwark, propone atmosfere antiche e suggestive, richiamando, non solo per la forma sferica dell’edificio, il teatro in cui si sviluppò il genio di William Shakespeare.


Chi preferisce il cinema potrà visitare l’Electric Cinema, la sala più antica del Paese, al 191 di Portobello Road, con tavolini per mangiare e bere nel corso della proiezione, divani e poltrone in pelle: tutt’altra atmosfera si respira, invece, al Bfi Imax di South Bank, al numero 1 di Charlie Chaplin Walk, dove si sperimenta la tecnologia a tre dimensioni Imax davanti a uno schermo largo 26 metri e alto 20. Dopo una capatina in uno dei tantissimi pub della città, che chiudono alle 23, ci si può muovere in direzione dei club. In centro si trovano locali frequentati soprattutto dai turisti, mentre a Brixton, ma anche a King’s Cross e Old Street, si ha l’opportunità di vivere una vera notte londinese.

Un consiglio: nel caso in cui si decida di entrare in posti particolarmente glamour, conviene prestare particolare attenzione al dress code, per evitare di essere esclusi dal locale a causa di un abbigliamento ritenuto poco elegante.

Per quel che riguarda i trasporti notturni, a Londra si può fare affidamento sui Black Cabs, i taxi inglesi simbolo di Londra, dotati di fari circolari e un radiatore imponente sul davanti. Il prezzo della corsa include un supplemento per le corse notturne, per i bagagli messi sul sedile e per passeggeri extra. Occorre tenere conto che, di notte, solitamente i tassisti non si fermano spontaneamente davanti ai locali, ed è necessario richiamare la loro attenzione (in alternativa, è sufficiente prenotarne uno al Radio Taxis, chiamando il numero 020 7272 0272).

Considerato il prezzo piuttosto alto di una corsa in taxi, quando c’è la possibilità è preferibile ricorrere agli autobus notturni (passano tutti per Trafalgar Square), le cui corse sono contraddistinte da una N. Il costo del biglietto, in questo caso, è decisamente meno impegnativo.

Come muoversi a Londra (Metropolitana e mezzi pubblici)

Il modo più conveniente e comodo per spostarsi a Londra è rappresentato sicuramente dalla metropolitana, o, come viene chiamata da tutti, The Tube.

Metropolitana di Londra

La rete metropolitana della città si compone di dodici linee, connesse con i treni locali e la Dlr, vale a dire la Docklands Light Railway. Ogni linea è evidenziata con un colore specifico sulle cartina, mentre i treni riportano, oltre al nome del capolinea, l’indicazione Southbound, Northbound, Westbound o Eastbound, a seconda della direzione.

La metropolitana è aperta dal lunedì al sabato dalle cinque del mattino a mezzanotte, e la domenica con orario ridotto. Il costo degli abbonamenti e dei biglietti è in funzione delle zone concentriche in cui è divisa la rete della metro: la prima è la più centrale, l’ultima, la sesta, è la più periferica. Solitamente, ai turisti non conviene comprare biglietti singoli, ma effettuare l’abbonamento: per chi si ferma solo qualche giorno è conveniente la Travel Card, settimanale o giornaliera, che permette di spostarsi in maniera rapida ed economica; un’alternativa può essere individuata nella Oyster Card, che consente di prendere corse singole sulla metro (ma anche sulla London Overground, sugli autobus, sulla Dlr e su alcuni treni nazionali) a prezzi ridotti, grazie a una carta magnetica con un credito di novanta sterline.

Una caratteristica speciale della metropolitana londinese è la presenza degli Help Point. Si tratta di sistemi elettronici che, oltre a segnalare l’arrivo del treno imminente, sono muniti di tre bottoni che consentono di soddisfare esigenze differenti: il pulsante rosso può essere schiacciato se si ha bisogno di indicazioni generali, quello rosso in caso di incendio e quello verde in caso di un altro tipo di emergenza.

Ma oltre che dalla metropolitana gli spostamenti nella capitale inglese sono assicurati anche dagli autobus: basti pensare che in tutta Londra esistono più di 17mila fermate per i bus. Il prezzo dei biglietti è di due sterline in contanti, oppure una sterlina con la Oyster Card e il carnet Bus Saver (in alternativa, si può ricorrere alla già citata Travelcard, che a seconda dell’abbonamento scelto propone prezzi differenti). Il biglietto deve essere acquistato prima di salire a bordo, semplicemente servendosi delle macchinette apposite situate in corrispondenza della fermata: occorre presentarsi con i soldi giusti, perché non danno resto. Va ricordato, inoltre, che non esiste la possibilità di comprare un biglietto di andata e ritorno: è necessario un titolo di viaggio per ogni singola corsa.

Anche per la rete di autobus è possibile acquistare un abbonamento: il costo per un giorno è di tre sterline e mezzo, per una settimana di quattordici sterline, per un mese di cinquantaquattro sterline e per un anno di cinquecentosessanta sterline.

Vale la pena di ricordare, in conclusione, anche la presenza degli autobus notturni, caratterizzati dalla lettera N.

Scarica qui sotto la mappa/piantina della metropolitana Londinese:

Mappa e piantina della rete metropolitana di Londra